Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Mediexplorer.it

Terapia protonica e chirurgia limitata per i pazienti pediatrici e adolescenti con craniofaringioma: studio RT2CR


Rispetto alla fototerapia, la terapia protonica riduce l'esposizione del normale tessuto cerebrale nei pazienti con craniofaringioma, il che potrebbe ridurre i deficit cognitivi associati alla radioterapia.

Poiché esistono differenze fisiche note tra i due metodi di radioterapia, sono state stimate la sopravvivenza libera da progressione e le distribuzioni di sopravvivenza globale per i pazienti pediatrici e adolescenti con craniofaringioma trattati con chirurgia limitata e terapia protonica, monitorando al contempo l'eccessiva tossicità del sistema nervoso centrale.

In questo studio di fase 2 a braccio singolo, sono stati reclutati pazienti con craniofaringioma presso il St Jude Children's Research Hospital ( Memphis TN, USA ) e l'Health Proton Therapy Institute dell'Università della Florida ( Jacksonville, FL, USA ).

I pazienti erano eleggibili se avevano un'età compresa tra 0 e 21 anni al momento dell'arruolamento e non erano stati trattati con precedenti terapie radioterapeutiche o intracistiche.

I pazienti eleggibili sono stati trattati utilizzando fasci protonici passivamente diffusi, 54 Gy ( effetto biologico relativo ) e un margine di volume obiettivo clinico di 0.5 cm.
Il trattamento chirurgico è stato individualizzato prima della terapia protonica e non includeva interventi chirurgici, procedure singole con posizionamento del catetere e del serbatoio di Ommaya attraverso un foro di fresatura o craniotomia, resezione endoscopica, resezione transfenoidale, craniotomia, o più tipi di procedura.

Dopo aver completato il trattamento, i pazienti sono stati valutati clinicamente e mediante neuroimaging per la progressione del tumore e l'evidenza di necrosi, vasculopatia, deficit neurologici permanenti, perdita della vista ed endocrinopatia.
I test neurocognitivi sono stati somministrati al basale e una volta all'anno per 5 anni.

Gli esiti sono stati confrontati con una coorte storica trattata con chirurgia e fototerapia. Gli endpoint coprimari erano la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale.
La progressione è stata definita come un aumento delle dimensioni del tumore nelle successive valutazioni di imaging più di 2 anni dopo il trattamento.
La sopravvivenza e la sicurezza sono state valutate anche in tutti i pazienti che hanno ricevuto terapia fotonica e chirurgia limitata.

Tra il 2011 e il 2016, 94 pazienti sono stati arruolati e trattati con chirurgia e terapia protonica, di cui 49 ( 52% ) erano donne, 45 ( 48% ) erano uomini, 62 ( 66% ) erano bianchi, 16 ( 17% ) erano neri, 2 ( 2% ) erano asiatici e 14 ( 15% ) erano di altre etnie, e l'età media era di 9.39 anni al momento della radioterapia.

Al cutoff dei dati nel 2022, il follow-up mediano è stato di 7.52 anni per i pazienti che non presentavano progressione e 7.62 anni per l'intera coorte di 94 pazienti.

La sopravvivenza libera da progressione a 3 anni è stata del 96.8% ( P=0.89 ), con progressione che si è verificata in 3 dei 94 pazienti.

Nessun decesso si è verificato a 3 anni, tanto che la sopravvivenza globale è stata del 100%.

A 5 anni, la necrosi si era verificata in 2 dei 94 pazienti ( 2% ), grave vasculopatia in 4 ( 4% ) e condizioni neurologiche permanenti in 3 ( 3% ); il declino della vista da normale ad anormale si è verificato in 4 dei 54 pazienti ( 7% ) con visione normale al basale.

Gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni sono stati: mal di testa ( 6 su 94 pazienti, 6% ), convulsioni ( 5, 5% ) e disturbi vascolari ( 6, 6% ).

Non si sono verificati decessi al momento del cutoff dei dati.

La terapia protonica non ha migliorato gli esiti di sopravvivenza nei pazienti pediatrici e adolescenti con craniofaringioma rispetto a una coorte storica e i tassi di complicanze gravi sono stati simili.
Tuttavia, gli esiti cognitivi con la terapia protonica sono stati migliori rispetto alla terapia fotonica.
I bambini e gli adolescenti trattati per craniofaringioma mediante chirurgia limitata e terapia protonica postoperatoria hanno un alto tasso di controllo del tumore e un basso tasso di complicanze gravi.
Gli esiti ottenuti con questo trattamento rappresentano un nuovo punto di riferimento con cui confrontare altri regimi. ( Xagena2023 )

Merchant TE et al, Lancet Oncology 2023; 24: 523-534

Pedia2023 Neuro2023 Onco2023 Chiru2023



Indietro