Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Sintomi depressivi, benessere mentale e uso di sostanze tra gli adolescenti prima e durante la pandemia di COVID-19


L'adolescenza rappresenta un periodo di sviluppo cruciale nel plasmare le traiettorie della salute mentale.
È stato studiato l'effetto della pandemia di COVID-19 sulla salute mentale e sull'uso di sostanze durante questa delicata fase di sviluppo.

In uno studio longitudinale basato sulla popolazione, i sondaggi sono stati somministrati a un campione nazionale di ragazzi di età compresa tra 13 e 18 anni in Islanda a ottobre o febbraio nel 2016 e 2018 e nell'ottobre 2020 durante la pandemia di COVID-19.

I sondaggi hanno valutato i sintomi depressivi con la scala SCL-90 ( Symptom Checklist-90 ), il benessere mentale con la WEMWBS ( Short Warwick Edinburgh Mental Wellbeing Scale ) e la frequenza del fumo di sigaretta, dell'uso di sigarette elettroniche e dell'intossicazione da alcol.

Sono stati raccolti dati demografici, che includevano la lingua parlata a casa anche se non i dati sull'etnia.
Sono stati utilizzati modelli a effetti misti per studiare l'effetto del genere, dell'età e dell'anno di indagine sulle tendenze degli esiti di salute mentale.

Sono state incluse 59.701 risposte al sondaggio; i tassi di risposta variavano dal 63% all'86%.
Un aumento dei sintomi depressivi ( beta 0.57 ) e un peggioramento del benessere mentale ( beta -0.46 ) sono stati osservati in tutti gruppi di età durante la pandemia rispetto ai coetanei prima di COVID-19.

Questi esiti sono stati significativamente peggiori nelle ragazze adolescenti rispetto ai ragazzi ( beta 4.16 e beta -1.13, rispettivamente ).

Il fumo di sigaretta ( OR 2.61 ), l’uso di sigarette elettroniche ( OR 2.61 ) e l’intossicazione da alcol ( OR 2.59 ) sono diminuiti tra i 15 e i 18 anni durante il COVID-19, senza differenze di genere simili.

I risultati hanno indicato che COVID-19 ha significativamente compromesso la salute mentale degli adolescenti.
Tuttavia, la diminuzione osservata nell'uso di sostanze durante la pandemia potrebbe essere un beneficio non-intenzionale dell'isolamento e potrebbe fungere da fattore protettivo contro futuri disturbi e dipendenza da uso di sostanze.
Sono necessari sforzi di prevenzione a livello di popolazione, in particolare per le ragazze. ( Xagena2021 )

Thorisdottir IE et al, Lancet Psychiatry 2021; 8: 663-672

Psyche2021 Pedia2021



Indietro