Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Ematobase.it

Profilassi del virus respiratorio sinciziale infantile e microbiota nasofaringeo fino a 6 anni di vita: sottoanalisi dello studio MAKI


Si ritiene che l'infezione da virus respiratorio sinciziale ( RSV ) durante l'infanzia causi respiro sibilante a lungo termine.
A sua volta, il respiro sibilante è stato associato alla disbiosi batterica delle vie respiratorie.
Sono stati studiati gli effetti della profilassi dell'infezione da virus VRS con Palivizumab ( Synagis ) in neonati pretermine altrimenti sani sulla composizione del microbiota respiratorio a 1 anno e 6 anni di età.

Nello studio multicentrico, in singolo cieco, randomizzato, controllato con placebo MAKI, i bambini nati tra 32 e 35 settimane di gestazione, in un ospedale universitario e in 15 ospedali regionali nei Paesi Bassi, sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Palivizumab o placebo durante la stagione RSV del primo anno di vita.

Sono state somministrate iniezioni intramuscolari di Palivizumab 15 mg/kg o placebo durante una stagione VRS: da ottobre o dalla dimissione dall'Unità neonatale fino a marzo ( sono state somministrate minimo 2 e massimo 5 iniezioni ).

I bambini avevano 6 mesi o meno all'inizio della stagione RSV; i criteri di esclusione includevano cardiopatia congenita, displasia broncopolmonare, sindrome di Down o altre gravi malattie congenite, uso della ventilazione meccanica alla nascita, trattamento con tensioattivo o respiro sibilante diagnosticato dal medico prima dell'inizio della stagione RSV.

I bambini sono stati seguiti per i sintomi clinici fino ai 6 anni di età. Per la sottoanalisi, sono stati ottenuti tamponi rinofaringei da bambini di età compresa tra 1 anno e 6 anni e sono stati analizzati utilizzando il sequenziamento 16S-rRNA.
A 6 anni è stata anche misurata l'ostruzione reversibile delle vie aeree.

L'esito primario era l'effetto di Palivizumab durante l'infanzia sulla composizione del microbiota respiratorio all'età di 1 anno e 6 anni ( analisi intent-to-treat [ ITT ] ).

Dal 2008 al 2010, sono stati arruolati nello studio MAKI 429 bambini ( n=214 nel gruppo Palivizumab; n=215 nel gruppo placebo ).
A 1 anno, sono stati raccolti tamponi ed è stato sequenziato il DNA di 170 su 429 bambini ( 40% ), di cui 145 campioni ( 85% ) avevano DNA di alta qualità.

La composizione complessiva del microbiota era significativamente diversa ( R2 1.3%; P=0.0185 ) tra il gruppo Palivizumab e il gruppo placebo a 1 anno di vita; i bambini nel gruppo Palivizumab avevano un'abbondanza significativamente inferiore del cluster dominato da Staphylococcus ( odds ratio, OR=0.28; P=0.00394 ), un'abbondanza aumentata delle specie di biomarcatori, come Klebsiella, e una serie più diversificata di taxa orali, tra cui Streptococcus spp, rispetto ai bambini del gruppo placebo.

A 6 anni, sono stati raccolti tamponi ed è stato sequenziato il DNA da 349 su 395 bambini ( 88% ) che hanno completato il follow-up, di cui 342 campioni ( 98% ) avevano DNA di alta qualità.

La composizione complessiva del microbiota non era significativamente diversa tra i gruppi a 6 anni ( R2 0.6%; P=0.0575 ); tuttavia, i bambini nel gruppo Palivizumab avevano un'abbondanza significativamente maggiore di Haemophilus spp e una minore abbondanza di Moraxella e Neisseriaceae spp rispetto ai bambini del gruppo placebo.

L'assenza di infezione da RSV confermata dalla PCR ( reazione a catena della polimerasi ) a 1 anno è stata significativamente associata a una maggiore abbondanza di Haemophilus spp all'età di 6 anni e a un'abbondanza significativamente inferiore di Moraxella e Neisseriaceae rispetto ai bambini con infezione da RSV a 1 anno.

L'ostruzione reversibile delle vie aeree a 6 anni è stata anche positivamente associata all'abbondanza di Haemophilus e negativamente associata all'abbondanza di taxa associati alla salute, come Moraxella, Corynebacterium, Dolosigranulum e Staphylococcus, anche dopo la correzione per immunoprofilassi da RSV ( tutti P minore di 0.05 ).
Inoltre, l'ostruzione reversibile delle vie aeree è stata associata a un'abbondanza di Streptococcus pneumoniae significativamente più alta.

Palivizumab nell'infanzia nei neonati pretermine altrimenti sani è associato a effetti persistenti sull'abbondanza di taxa microbici specifici, potenzialmente patogeni, nel tratto respiratorio.
Molte delle specie di biomarcatori associate a Palivizumab erano associate a ostruzione reversibile delle vie aeree all'età di 6 anni.
Questi risultati hanno giustificato ulteriori studi per stabilire gli effetti ecologici a lungo termine e le conseguenze sulla salute di Palivizumab nell'infanzia. ( Xagena2020 )

Man WH et al, Lancet Respiratory Medicine 2020; 8: 1022-1031

Pneumo2020 Inf2020 Pedia2020 Farma2020



Indietro