Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Prevalenza dell'infezione da SARS-CoV-2 nei bambini e nei loro genitori


La chiusura delle scuole e degli asili nido è stata applicata come misure per limitare la pandemia del nuovo coronavirus 2019 ( COVID-19 ), sulla base del presupposto che i bambini piccoli possano svolgere un ruolo chiave nella diffusione della sindrome respiratoria acuta grave da coronavirus 2 ( SARS-CoV-2 ).
Date le gravi conseguenze delle restrizioni ai contatti per i bambini, è di grande importanza comprendere meglio il loro contributo alla pandemia di COVID-19.

È stato descritto il tasso di infezioni da SARS-CoV-2 e la sieroprevalenza degli anticorpi SARS-CoV-2 nei bambini di età compresa tra 1 e 10 anni, rispetto a un genitore corrispondente di ciascun bambino, in un campione basato sulla popolazione.

Lo studio su larga scala, multicentrico e trasversale COVID-19 BaWü ha arruolato bambini di età compresa tra 1 e 10 anni e un genitore corrispondente tra il 22 aprile e il 15 maggio 2020, nel sud-ovest della Germania.

Gli esiti principali sono stati l'infezione e la sieroprevalenza di SARS-CoV-2. I partecipanti sono stati testati per l'RNA di SARS-CoV-2 da tamponi nasofaringei mediante reazione a catena della trascrizione inversa della polimerasi ( RT-PCR ) e anticorpi IgG specifici per SARS-CoV-2 nel siero mediante saggi di immunoassorbimento enzimatico e test di immunofluorescenza.
I risultati discordanti sono stati chiariti mediante test immunologici di elettrochemiluminescenza, un secondo test di immunoassorbimento enzimatico o un test interno basato su Luminex.

Lo studio ha incluso 4.964 partecipanti: 2.482 bambini ( età media, 6 anni; 1.265 ragazzi, 51.0% ) e 2.482 genitori ( età media, 40 anni; 615 uomini, 24.8% ).
Due partecipanti ( 0.04% ) sono risultati positivi all'RNA di SARS-CoV-2.
La sieroprevalenza stimata di SARS-CoV-2 era bassa nei genitori ( 1.8% ) e 3 volte inferiore nei bambini ( 0.6% ).

Tra 56 famiglie con almeno 1 figlio o genitore con sieropositività, la combinazione di un genitore con sieropositività e un corrispondente bambino con sieronegatività è stata 4.3 volte superiore alla combinazione di un genitore sieronegativo e un bambino corrispondente con sieropositività.
Sono state osservate attività di neutralizzazione del virus per 66 su 70 campioni di siero IgG-positivi ( 94.3% ).

In questo studio trasversale, la diffusione dell'infezione da SARS-CoV-2 durante un periodo di lockdown nel sud-ovest della Germania è stata particolarmente bassa nei bambini di età compresa tra 1 e 10 anni.
Di conseguenza, è improbabile che i bambini abbiano aumentato la pandemia.
Questo studio sulla prevalenza di SARS-CoV-2, che sembra essere il più grande incentrato sui bambini, è istruttivo su come i test di massa ad hoc forniscano la base per un processo decisionale politico razionale in una pandemia. ( Xagena2021 )

Tönshoff B et al, JAMA Pediatr 2021; 175: 586-593

Inf2021 Pedia2021



Indietro