Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Pneumobase.it

Migliore previsione del rischio di cardiomiopatia utilizzando lo strain longitudinale globale e il frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico di tipo B nei sopravvissuti a tumore infantile esposti a terapia cardiotossica


Sono stati impiegati lo strain longitudinale globale ( GLS ) al basale e il frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico di tipo B ( NT-proBNP ) per identificare i sopravvissuti a tumore infantile con una frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) normale a più alto rischio di futura cardiomiopatia correlata al trattamento.

I partecipanti alla St Jude Lifetime Cohort a 5 anni o più dalla diagnosi, ad aumentato rischio di cardiomiopatia secondo l'International Guideline Harmonization Group ( IGHG ), con una frazione di eiezione ventricolare sinistra maggiore o uguale al 50% all'ecocardiografia basale ( n=1.483 ) sono stati sottoposti a misurazione di strain longitudinale globale ( n=1.483 ) e a NT-proBNP ( n=1.052; 71% ).

I modelli di regressione multivariata di Cox hanno stimato gli HR ( hazard ratio ) per l’incidenza di cardiomiopatia post-basale ( CTCAE [ Common Terminology Criteria for Adverse Events ] di grado 2 o superiore ) in associazione con strain longitudinale globale basato sull’ecocardiogramma ( maggiore o uguale a -18 ) e/o NT-proBNP ( superiore a 97.5 percentili specifici per età ).

La prestazione predittiva è stata valutata utilizzando l'AUC in modelli con e senza strain longitudinale globale e NT-proBNP e confrontata utilizzando il test di DeLong per individui IGHG a rischio moderato e alto trattati con antracicline.

Tra i sopravvissuti ( età mediana, 37.6 ), 162 ( 11.1% ) hanno sviluppato cardiomiopatia di grado maggiore o uguale a 2 a 5.1 anni dalla valutazione basale.

L’incidenza cumulativa a 5 anni di cardiomiopatia per i sopravvissuti con e senza strain longitudinale globale anormale è stata, rispettivamente, del 7.3% contro il 4.4%, mentre il valore NT-proBNP anormale è stato del 9.9% contro il 4.7%.

Tra i sopravvissuti con una frazione di eiezione ventricolare sinistra normale, lo strain longitudinale globale e i valori anormali di NT-proBNP, al basale, hanno identificato i sopravvissuti a rischio moderato / alto definiti da IGHG esposti alle antracicline con un rischio 4 volte maggiore di cardiomiopatia post basale ( HR, 4.39; P minore di 0.001 ), aumentando fino a un HR di 14.16 ( P minore di 0.001 ) tra i sopravvissuti che hanno ricevuto 250 mg/m2 o più di antracicline.

A 6 anni dal basale, le AUC per la previsione del rischio individuale erano 0.70 per i modelli con e 0.63 per i modelli senza strain longitudinale globale e NT-proBNP ( P=0.022 ).

Lo strain longitudinale globale e i valori NT-proBNP dovrebbero essere presi in considerazione per una migliore identificazione dei sopravvissuti ad alto rischio di futura cardiomiopatia. ( Xagena2024 )

Ehrhardt MJ et al, J Clin Oncol 2024;42:1265-1277

Cardio2024 Pedia2024 Onco2024 Farma2024



Indietro