Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Manifestazioni di neuroimaging nei bambini con infezione da virus SARS-CoV-2


Le manifestazioni sul sistema nervoso centrale [ SNC ] di COVID-19 nei bambini sono state descritte principalmente in case report, che limitano la capacità di apprezzare l'intero spettro della malattia nei pazienti pediatrici.
È stato identificato un numero sufficiente di casi che potrebbero essere valutati in modo aggregato per comprendere meglio le manifestazioni di neuroimaging di COVID-19 nella popolazione pediatrica.

È stato lanciato un bando internazionale per i casi di bambini con encefalopatia correlata all'infezione da coronavirus 2 ( SARS-CoV-2 ) con sindrome respiratoria acuta grave e risultati anormali di neuroimaging.
Sono stati richiesti la storia clinica e i dati relativi al plasma e al liquido cerebrospinale.

Questi dati sono stati esaminati da un Comitato centrale di neuroradiologia, un neurologo infantile e un esperto di malattie infettive pediatriche.
I bambini sono stati classificati in base al momento di probabile esposizione a SARS-CoV-2.

Inoltre, sono stati esclusi i casi in cui non è stato possibile stabilire un collegamento diretto all'infezione da SARS-CoV-2 o è stato possibile ipotizzare una causa diagnostica alternativa stabilita.

I dati di imaging del centro di riferimento accettati, provenienti da dieci Paesi, sono stati esaminati a distanza da un gruppo centrale di cinque neuroradiologi pediatrici e un parere consensuale ottenuto sui risultati dell'imaging.

Sono stati identificati 38 bambini con malattia neurologica correlata all'infezione da SARS-CoV-2 da Francia ( n=13 ), Regno Unito ( n=8 ), Stati Uniti ( n=5 ), Brasile ( n=4 ), Argentina ( n=4 ), India ( n=2 ), Perù ( n=1 ) e Arabia Saudita ( n=1 ).

Sono stati identificati modelli ricorrenti di malattia, con anomalie del neuroimaging che vanno da lievi a gravi.
I pattern di imaging più comuni erano alterazioni cerebrali simili all'encefalomielite acuta disseminata immuno-mediata post-infettiva ( 16 pazienti ), mielite ( 8 pazienti ) e potenziamento neurale ( 13 pazienti ).

L’enhancement del nervo cranico poteva verificarsi in assenza di sintomi neurologici corrispondenti.
Lesioni spleniche ( 7 pazienti ) e miosite ( 4 pazienti ) sono state osservate prevalentemente nei bambini con sindrome infiammatoria multisistemica.
Le complicanze cerebrovascolari nei bambini sono state meno comuni che negli adulti.

Condizioni preesistenti significative erano assenti e la maggior parte dei bambini ha avuto esiti favorevoli. Tuttavia, co-infezioni atipiche fatali del SNC si sono sviluppate in 4 bambini precedentemente sani infettati da SARS-CoV-2.

Sono osservate nei bambini anomalie del SNC correlate a SARS-CoV-2 in fase acuta e in fase ritardata. Si possono trovare modelli ricorrenti di malattia e manifestazioni di neuroimaging atipiche che dovrebbero essere riconosciute come potenzialmente dovute all'infezione da SARS-CoV-2 come fattore eziologico alla base.

Sono necessari studi su coorti pediatriche specifiche per comprendere meglio gli effetti dell'infezione da SARS-CoV-2 sul sistema nervoso centrale al momento della presentazione e sul follow-up a lungo termine nei bambini. ( Xagena2021 )

Lindan CE et al, Lancet Child & Adolescent Health 2021; 5: 167-177


Pedia2021 Inf2021



Indietro