Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Manifestazioni cardiovascolari acute in 286 bambini con sindrome infiammatoria multisistemica associata a infezione da COVID-19 in Europa


Sono stati documentati i risultati clinici cardiovascolari, l'imaging cardiaco e i marcatori di laboratorio nei bambini che presentano la nuova sindrome infiammatoria multisistemica associata all'infezione da malattia da coronavirus 2019 ( COVID-19 ).

Un sondaggio in tempo reale basato su internet è stato approvato dalla Association for European Paediatric and Congenital Cardiologists Working Groups for Cardiac Imaging and Cardiovascular Intensive Care.
Sono stati inclusi i bambini da 0 a 18 anni di età ricoverati in ospedale tra il 1º febbraio e il 6 giugno 2020, con diagnosi di sindrome infiammatoria e complicanze cardiovascolari acute.

Sono stati coinvolti in totale 286 bambini provenienti da 55 Centri in 17 Paesi europei.
L'età mediana era di 8.4 anni e il 67% erano maschi.
Le complicanze cardiovascolari più comuni erano shock, aritmie cardiache, versamento pericardico e dilatazione delle arterie coronarie.

Una ridotta frazione di eiezione ventricolare sinistra era presente in oltre la metà dei pazienti e la stragrande maggioranza dei bambini aveva troponina cardiaca aumentata al controllo.

I marcatori biochimici dell'infiammazione sono risultati aumentati nella maggior parte dei pazienti al momento del ricovero: elevata proteina C reattiva, ferritina sierica, procalcitonina, frammento N-terminale del propeptide natriuretico di tipo B [ NT-proBNP ], interleuchina-6 [ IL-6 ] e D-dimeri.

C'è stata una correlazione statisticamente significativa tra il grado di elevazione dei parametri cardiaci e biochimici e la necessità di supporto in terapia intensiva ( P minore di 0.05 ).

La reazione a catena della polimerasi per la sindrome respiratoria acuta grave da coronavirus 2 è risultata positiva nel 33.6% dei casi, mentre gli anticorpi immunoglobulina M ( IgM ) e immunoglobulina G ( IgG ) sono risultati positivi nel 15.7% dei casi e immunoglobulina G nel 43.6% dei casi, rispettivamente, quando controllati.

Un bambino nella coorte di studio è deceduto.

Il coinvolgimento cardiaco è comune nei bambini con sindrome infiammatoria multisistemica associata alla pandemia da Covid-19.

La maggior parte dei bambini ha presentato aumento significativo dei livelli di frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico di tipo B, ferritina, D-dimeri e troponina cardiaca oltre a livelli elevati di proteina C reattiva e procalcitonina.

In confronto agli adulti con COVID-19, la mortalità nei bambini con sindrome infiammatoria multisistemica associata a COVID-19 è rara nonostante il coinvolgimento multisistemico, i marcatori infiammatori molto elevati e la necessità di supporto in terapia intensiva. ( Xagena2021 )

Valverde I et al, Circulation 2021; 143: 21-32

Cardio2021 Inf2021 Pedia2021



Indietro