Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Livello inadeguato di Iodio nelle donne incinte ed effetto sugli esiti cognitivi nei figli


In quanto componente degli ormoni tiroidei, lo Iodio è essenziale per lo sviluppo cerebrale del feto.
Benché il Regno Unito sia stato considerato per lungo tempo come senza problemi nei livelli di Iodio, un numero crescente di evidenze ha indicato che potrebbe ora presentare una lieve carenza di Iodio.

Uno studio ha valutato se una lieve carenza di Iodio durante le prime fasi della gravidanza fosse associata a un effetto avverso sullo sviluppo cognitivo del bambino.

Sono state analizzate coppie madre-figlio della coorte dello studio Avon Longitudinal Study of Parents and Children ( ALSPAC ), misurando la concentrazione urinaria di Iodio e di creatinina in campioni conservati di 1040 donne gravide al primo trimestre di gravidanza.

Le donne sono state selezionate in base a gravidanza singola e a disponibilità sia di un campione di urine del primo trimestre di gravidanza ( definito come un periodo uguale o superiore a 13 settimane di gestazione; mediana 10 settimane [ IQR 9-12 ] ) sia una misura di quoziente di intelligenza ( QI ) nella discendenza all’età di 8 anni.

I risultati delle donne per il rapporto Iodio-creatinina sono stati dicotomizzati a meno di 150 mcg/g o 150 mcg/g o più in base ai criteri dell’Organizzazione mondiale della sanità ( OMS ) per carenza o livello sufficiente di Iodio in gravidanza.

È stata valutata l’associazione tra livello di Iodio materno e quoziente intellettivo dei bambini all’età di 8 anni e la capacità di leggere all’età di 9 anni.

Sono stati inclusi come confondenti 21 fattori socioeconomici, legati ai genitori o ai bambini.

Il gruppo è stato classificato come gruppo a carenza di Iodio da lieve a moderata in base a una concentrazione urinaria media di 91.1 mcg/L ( IQR 53.8-143; rapporto iodio-creatinina 110 mcg/g, IQR 74-170 ).

Dopo aggiustamento per fattori confondenti, i figli di donne con un rapporto iodio-creatinina inferiore a 150 mcg/g hanno mostrato maggiore probabilità nel quartile più basso per QI verbale ( odds ratio, OR=1.58; p=0.02 ), accuratezza di lettura ( OR=1.69; p=0.007 ) e comprensione della lettura ( OR=1.54; p=0.02 ), rispetto ai figli di madri con rapporti uguali o superiori a 150 mcg/g.

Quando il gruppo con meno di 150 mcg/g è stato suddiviso, i punteggi sono peggiorati da 150 mcg/g o più, a 50-150 mcg/g, a meno di 50 mcg/g.

In conclusione, questi risultati hanno mostrato l’importanza di un adeguato livello di Iodio durante le prime fasi della gestazione e hanno enfatizzato il rischio che la carenza di Iodio possa mettere a rischio lo sviluppo dei bambini, anche in un Paese classificato solo come con carenza lieve di Iodio. ( Xagena2013 )

Bath SC et al, Lancet 2013; 382: 331-337

Pedia2013 Gyne2013



Indietro