Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Letture episodiche di alta pressione sanguigna nell'infanzia possono predire l'ipertensione da adulto


I bambini con almeno una lettura di alti valori pressori presentano una probabilità circa tre volte maggiore di sviluppare ipertensione da adulti.

L'associazione tra pressione sanguigna nell’infanzia e l’ipertensione da adulti è stata indagata in una coorte di 1.117 bambini ( 528 maschi ) che vivevano a Indianapolis ( Stati Uniti ).

Le letture di pressione sanguigna sono state prese semestralmente, mentre i bambini frequentavano la scuola, da un infermiere o durante la visita di un medico.
I bambini sono stati seguiti per 27 anni.
L'età media al basale era di 12 anni, e l'età media nel 2013 era di 33 anni.

Tra i partecipanti allo studio, 119 hanno avuto diagnosi di alta pressione sanguigna da adulti.
Il 59% di quelli con alta pressione sanguigna in età adulta erano in sovrappeso o obesi in età infantile.

Le letture della pressione durante l’infanzia sono state classificate per valori percentili di pressione sanguigna, aggiustati per età, sesso e altezza, con le letture che superavano il 95° percentile considerate ipertensione.

I bambini senza alcuna misura di pressione sanguigna eccedente il 95° percentile hanno avuto un tasso di ipertensione da adulti del 8.6%, quelli con una misura di pressione superiore al 95° percentile avevano un tasso del 18%, e quelli con più di una misura superiore al 95° percentile presentavano un tasso del 35%.

Dopo aggiustamento per età, sesso e indice di massa corporea, la presenza di almeno una misura di pressione sanguigna nell’infanzia superiore al 95° percentile era associata a un rischio tre volte maggiore di ipertensione da adulti versus nessuna eccessiva misura di pressione sanguigna nell’infanzia ( odds ratio, OR=3.1 ). ( Xagena2013 )

Fonte: AHA High Blood Pressure Research Scientific Sessions, 2013

Cardio2013 Pedia2013



Indietro