Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

La metà dei bambini con sindrome infiammatoria multisistemica associata a COVID-19 presenta sintomi neurologici


Una ricerca, seppur preliminare, ha mostrato che la metà dei bambini in un ospedale di Londra che ha sviluppato una sindrome infiammatoria multisistemica associata a COVID-19 ha manifestato sintomi neurologici, come cefalea, encefalopatia e allucinazioni.

Sono state esaminate le cartelle cliniche di tutti i bambini di età pari o inferiore a 18 anni che sono stati ricoverati al Great Ormond Street Hospital di Londra tra il 4 aprile e il 1 settembre 2020, e che avevano soddisfatto i criteri per quella che hanno chiamato sindrome multisistemica infiammatoria pediatrica temporaneamente associata alla SARS-CoV-2 o PIMS-TS.

Negli Stati Uniti, la condizione è definita sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini ( MIS-C ).
Secondo il CDC ( Centers for Disease Control and Prevention ), la definizione di MIS-C include qualsiasi paziente di età inferiore a 21 anni che presenti febbre, evidenze di infiammazione di laboratorio, evidenze di una malattia clinicamente grave che richiede il ricovero, con due o più organi coinvolti, che non ha alternative diagnostiche plausibili ed è risultato positivo per infezione attuale o recente da SARS-CoV-2, o segnala l'esposizione a un caso sospetto o confermato di COVID-19.

Sebbene raro, MIS-C può emergere settimane dopo l'infezione da SARS-CoV-2, e una sindrome simile ( MIS-A ) è stata documentata negli adulti con COVID-19.

Il report attuale ha riguardato 46 pazienti che si sono presentati durante il periodo di studio. L'età media dei pazienti era di 10 anni, il 65.2% erano maschi e l'80.4% erano di etnia non-bianca.
Sintomi neurologici di nuova insorgenza sono stati riportati nel 52.2% dei bambini, inclusi cefalea ( n = 24 ), encefalopatia ( n = 14 ), disartria / disfonia ( n = 6 ), allucinazioni ( n = 6 ), atassia ( n = 4 ), coinvolgimento dei nervi periferici ( n = 3 ) e convulsioni ( n = 1 ).

I bambini che hanno manifestato sintomi neurologici avevano maggiori probabilità di aver bisogno di ventilazione e agenti inotropi nell'Unità di terapia intensiva pediatrica ( P inferiore a 0.005 ).

Una serie di casi pubblicata su JAMA a febbraio che ha riguardato più di 1.100 pazienti pediatrici ha mostrato che il coinvolgimento cardiaco, così come l'età e la razza, in particolare quelli di età compresa tra 6 e 12 anni e bambini neri, sono tutti fattori che potrebbero aiutare a differenziare MIS-C da quelli con forma grave di COVID-19.

Questi ultimi risultati suggeriscono che i bambini che sviluppano MIS-C dovrebbero essere valutati per sintomi neurologici e risultati cognitivi a lungo termine.

Sono necessari ulteriori studi che coinvolgano più bambini e che seguano i bambini per vedere come questa condizione cambia nel tempo e se ci sono effetti neurocognitivi a lungo termine. ( Xagena2021 )

Fonte: American Academy of Neurology Virtual Meeting, 2021

Pedia2021 Inf2021 Neuro2021



Indietro