Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Ipotermia controllata lieve in neonati pretermine con enterocolite necrotizzante avanzata


L'enterocolite necrotizzante con sindrome da disfunzione d'organo multipla è legata a significative morbilità e mortalità, e sono disponibili ampie dimostrazioni che supportano lo studio dell'ipotermia terapeutica in neonati in queste condizioni.

È stato condotto uno studio pilota prospettico e non-randomizzato per stabilire la praticabilità e la sicurezza dell'ipotermia lieve in neonati pretermine con enterocolite necrotizzante e sindrome da disfunzione d'organo multipla come preludio per uno studio randomizzato.

Nello studio sono stati coinvolti 15 neonati pretermine con indicazione per intervento chirurgico per enterocolite necrotizzante avanzata e insufficienza di almeno 3 organi.

Il raffreddamento corporeo totale è stato raggiunto con aggiustamenti della temperatura ambientale con o senza materasso refrigerante.

Tre gruppi composti da 5 neonati ciascuno, sono stati sottoposti a raffreddamento fino alla temperatura di 35.5 °C, 34.5 °C e 33.5 °C, rispettivamente per 48 ore prima del nuovo riscaldamento a 37 °C; i neonati sono stati valutati attentamente per identificare gli eventi avversi potenzialmente legati a raffreddamento e nuovo riscaldamento.

Un gruppo di bambini non-sottoposti ad abbassamento della temperatura ( n=10 ) con enterocolite necrotizzante avanzata chirurgica e sindrome da disfunzione d'organo multipla sono stati utilizzati come controllo.

L'età gestazionale dei bambini coinvolti nello studio era di 27 settimane ( intervallo interquartile: 26-30 ) alla nascita; il peso all'ammissione era di 1.1 kg ( intervallo interquartile: 1.0-1.7 ) e l'età all'ammissione era di 31 giorni ( intervallo interquartile: 12-45 ).

La temperatura è stata mantenuta entro l'intervallo target per il 90% del tempo prefissato.

Con valutazioni di tromboelastografia, sono state identificate relazioni statisticamente significative tra la temperatura e la frequenza cardiaca ( P inferiore a 0.0001 ), pH ( P inferiore a 0.0001 ), e le dinamiche di coagulazione sanguigna ( tempo che trascorre fino alla formazione del coagulo iniziale più lungo, tasso ridotto di formazione del coagulo e diminuzione della forza del coagulo; tutti P inferiore a 0.001 ).

Durante il raffreddamento o il riscaldamento non si sono manifestati problemi o eventi avversi e il confronto con il gruppo controllo non ha fatto emergere un aumento di mortalità, sanguinamento, infezione o bisogno di inotropi nei bambini sottoposti a ipotermia.

In conclusione, l'ipotermia lieve per 48 ore in neonati pretermine con enterocolite necrotizzante avanzata sembra essere praticabile e sicura, ma sono necessari ulteriori studi per valutare l'efficacia di questo intervento terapeutico. ( Xagena2010 )

Hall NJ et al, Pediatrics 2010; 125: e300-308


Pedia2010 Gastro2010


Indietro