Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Infliximab rispetto alla seconda infusione di immunoglobuline per via endovenosa per il trattamento della malattia di Kawasaki resistente: studio KIDCARE


Sebbene l'immunoglobulina per via endovenosa ( IVIG ) sia una terapia efficace per la malattia di Kawasaki, il 10-20% dei pazienti presenta febbre ricorrente come segno di infiammazione persistente e richiede un trattamento aggiuntivo.
È stato confrontato Infliximab ( Remicade ) con una seconda infusione di immunoglobuline per il trattamento della malattia di Kawasaki resistente.

In uno studio multicentrico di efficacia comparativa, i pazienti di età compresa tra 4 settimane e 17 anni con malattia di Kawasaki resistente alle immunoglobuline e febbre almeno 36 ore dopo il completamento della loro prima infusione di immunoglobuline sono stati reclutati da 30 ospedali negli Stati Uniti.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a una seconda iniezione di immunoglobuline ( 2 g/kg in 8-12 ore ) o a Infliximab per via endovenosa ( 10 mg/kg in 2 ore senza premedicazione ).
I pazienti con febbre da 24 ore a 7 giorni dopo il completamento del primo trattamento in studio sono passati a ricevere l'altro trattamento in studio.

L'esito primario era la risoluzione della febbre a 24 ore dall'inizio del trattamento in studio senza recidiva di febbre attribuita alla malattia di Kawasaki entro 7 giorni dopo la dimissione.
Le misure di esito secondarie hanno incluso la durata della febbre dall'arruolamento, la durata dell'ospedalizzazione dopo la randomizzazione e le variazioni dei marcatori di infiammazione e del punteggio Z dell'arteria coronaria.

L'efficacia è stata analizzata nei partecipanti che hanno ricevuto il trattamento e avevano valori di esito disponibili.
La sicurezza è stata analizzata in tutti i pazienti randomizzati che non hanno ritirato il consenso.

Tra il 2017 e il 2020, 105 pazienti sono stati assegnati in modo casuale al trattamento e 103 sono stati inclusi nella popolazione intention-to-treat [ ITT ] ( 54 nel gruppo Infliximab, 49 nel gruppo seconda infusione di immunoglobuline ).
Due pazienti randomizzati a Infliximab non hanno ricevuto il trattamento assegnato.

L'esito primario è stato raggiunto da 40 dei 52 pazienti ( 77% ) nel gruppo Infliximab e da 25 dei 49 pazienti ( 51% ) nel gruppo seconda infusione di immunoglobuline ( odds ratio, OR=0.31, P=0.0076 ).
31 pazienti con febbre oltre le 24 ore hanno ricevuto un trattamento crossover: 9 ( 17% ) nel gruppo Infliximab hanno ricevuto la seconda infusione di immunoglobuline e 22 ( 45% ) nel gruppo seconda infusione di immunoglobuline hanno ricevuto Infliximab ( P=0.0024 ).

In tutto 3 pazienti assegnati in modo casuale a Infliximab e 2 a una seconda infusione di immunoglobuline con febbre oltre le 24 ore non hanno ricevuto un trattamento crossover.
I giorni medi di febbre dall'arruolamento sono stati 1.5 per il gruppo Infliximab e 2.5 per il gruppo seconda infusione di immunoglobuline ( P=0.014 ).

La degenza ospedaliera media è stata di 3.2 giorni per il gruppo Infliximab e 4.5 giorni per il gruppo seconda infusione di immunoglobuline ( P minore di 0.001 ).
Non c'è stata differenza tra i gruppi di trattamento per i marcatori di infiammazione o l'esito dell'arteria coronaria.
24 dei 54 pazienti ( 44% ) nel gruppo Infliximab e 33 dei 49 pazienti ( 67% ) nel gruppo seconda infusione di immunoglobuline hanno presentato almeno un evento avverso.

Un calo della concentrazione di emoglobina di almeno 2 g/dl è stato osservato in 19 dei 58 pazienti ( 33% ) che hanno ricevuto immunoglobuline come primo o secondo trattamento in studio ( tre dei quali hanno richiesto trasfusioni ) e in 3 dei 43 ( 7% ) che hanno ricevuto solo Infliximab ( nessuna trasfusione richiesta; P=0.0028 ).

L'anemia emolitica è stato l'unico evento avverso grave ritenuto definitivamente o probabilmente correlato al trattamento in studio ed è stato riportato in 9 pazienti su 58 ( 15% ) che hanno ricevuto infusione di immunoglobuline come primo o secondo trattamento in studio e nessuno che ha ricevuto solo Infliximab.

Infliximab è un trattamento sicuro, ben tollerato ed efficace per i pazienti con malattia di Kawasaki resistente alle immunoglobuline, con una minore durata della febbre, una ridotta necessità di terapia aggiuntiva, un'anemia meno grave e un ricovero più breve rispetto alla seconda infusione di immunoglobuline. ( Xagena2021 )

Burns JC et al, Lancet Child & Adolescent Health 2021; 5: 852-861

Reuma2021 Pedia2021 Farma2021


Indietro