Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Effetto di Dasatinib versus Imatinib nel trattamento della leucemia linfoblastica acuta positiva al cromosoma Philadelphia in età pediatrica


È necessario uno studio clinico randomizzato per determinare se Dasatinib ( Sprycel ), un inibitore della tirosin chinasi Abl di seconda generazione, sia più efficace dell'inibitore di prima generazione Imatinib mesilato ( Glivec ) per la leucemia linfoblastica acuta ( ALL ) infantile positiva al cromosoma Philadelphia.

Si è determinato se Dasatinib somministrato a una dose giornaliera di 80 mg/m2 sia più efficace di Imatinib mesilato a una dose giornaliera di 300 mg/m2 nel migliorare la sopravvivenza libera da eventi dei bambini con leucemia linfoblastica acuta Philadelphia-positiva nel contesto della chemioterapia intensiva senza irradiazione cranica profilattica.

È stato condotto uno studio clinico randomizzato di fase 3 in aperto in 20 ospedali in Cina. L'arruolamento è avvenuto nel periodo 2015-2018 e la randomizzazione è stata interrotta nel 2018, quando è stato soddisfatto il criterio di interruzione anticipata dello studio.
Sono stati reclutati pazienti di età compresa tra 0 e 18 anni.
Dei 225 pazienti con la diagnosi, 35 hanno rifiutato la partecipazione e 1 è morto prima del trattamento, lasciando 189 pazienti disponibili per l'analisi.

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere quotidianamente Dasatinib ( n=92 ) o Imatinib ( n=97 ) in modo continuativo per l'intera durata della terapia per la leucemia linfoblastica acuta dal momento della diagnosi effettuata durante l'induzione della remissione fino alla fine della terapia continuativa.

L'esito primario era la sopravvivenza libera da eventi ( EFS ), analizzata secondo intention-to-treat ( ITT ).
Gli esiti secondari erano recidiva, morte a causa di effetti tossici e sopravvivenza globale ( OS ).

Tra i 189 partecipanti ( 136 maschi, 72.0%; età mediana, 7.8 anni ) e un follow-up mediano di 26.4 mesi, i tassi a 4 anni di sopravvivenza libera da eventi e di sopravvivenza globale sono stati del 71.0% e dell'88.4%, rispettivamente, nel gruppo Dasatinib, e 48.9% ( P=0.005, log-rank test ) e 69.2% ( P=0.04, log-rank test ), rispettivamente, nel gruppo Imatinib.

Il rischio cumulativo a 4 anni di qualsiasi recidiva è stato del 19.8% nel gruppo Dasatinib e del 34.4% nel gruppo Imatinib ( P=0.01, test di Gray ), mentre il rischio cumulativo a 4 anni di una recidiva isolata del sistema nervoso centrale è stato del 2.7% nel gruppo Dasatinib e 8.4% nel gruppo Imatinib ( P=0.06, test di Gray ).

Non ci sono state differenze significative nella frequenza di gravi effetti tossici tra i due gruppi di trattamento.

La chemioterapia intensiva comprendente Dasatinib alla dose di 80 mg/m2 al giorno ha prodotto risultati superiori nel trattamento della leucemia linfoblastica acuta positiva al cromosoma Philadelphia rispetto a Imatinib mesilato alla dose di 300 mg/m2 al giorno e ha fornito un eccellente controllo della leucemia del sistema nervoso centrale senza l'uso di irradiazione cranica profilattica. ( Xagena2020 )

Shen S et al, JAMA Oncol 2020; 6: 358-366

Emo2020 Onco2020 Pedia2020 Farma2020


Indietro