Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Effetto della terapia con Idrocortisone iniziata da 7 a 14 giorni dopo la nascita sulla mortalità o sulla displasia broncopolmonare nei bambini molto pretermine che ricevono ventilazione meccanica


Il Desametasone somministrato dopo la prima settimana di vita riduce il tasso di morte o displasia broncopolmonare, ma può causare effetti avversi a lungo termine nei neonati molto pretermine.
L'Idrocortisone è sempre più utilizzato come alternativa, ma mancano prove a sostegno della sua efficacia e sicurezza.

È stato valutato l'effetto dell'Idrocortisone iniziato tra 7 e 14 giorni dopo la nascita sulla mortalità o displasia broncopolmonare nei neonati molto pretermine in uno studio randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo, condotto in 19 Unità di terapia intensiva neonatale nei Paesi Bassi e in Belgio dal 2011 al 2016, tra neonati pretermine con un'età gestazionale inferiore a 30 settimane e/o peso alla nascita inferiore a 1.250 g che erano dipendenti dalla ventilazione tra 7 e 14 giorni di vita, con follow-up alla dimissione ospedaliera terminato nel 2017.

I neonati sono stati assegnati in modo casuale a ricevere un ciclo di 22 giorni di Idrocortisone sistemico ( dose cumulativa, 72.5 mg/kg ) ( n=182 ) oppure placebo ( n=190 ).

L'esito primario era un composito di mortalità o displasia broncopolmonare valutata a un'età postmestruale di 36 settimane.
29 esiti secondari sono stati analizzati fino alla dimissione ospedaliera, inclusi decesso e displasia broncopolmonare all'età postmestruale di 36 settimane.

Tra 372 pazienti randomizzati ( età gestazionale media, 26 settimane, 55% maschi ), 371 hanno completato lo studio; i genitori hanno ritirato il consenso per un bambino trattato con Idrocortisone.

La mortalità o la displasia broncopolmonare si sono verificate in 128 bambini su 181 ( 70.7% ) randomizzati a Idrocortisone e in 140 neonati su 190 ( 73.7% ) randomizzati a placebo ( differenza di rischio aggiustata, -3.6%; odds ratio aggiustato, aOR=0.87, P=0.54 ).

Su 29 esiti secondari, 8 hanno mostrato differenze significative, tra cui il decesso all'età postmestruale di 36 settimane ( 15.5% con Idrocortisone vs 23.7% con placebo, differenza di rischio, -8.2%; OR=0.59 P=0.048 ).

21 esiti hanno mostrato differenze non-significative, tra cui displasia broncopolmonare ( 55.2% con Idrocortisone versus 50.0% con placebo, differenza di rischio, 5.2%, OR=1.24, P=0.31 ).

L'iperglicemia con necessità di terapia insulinica è stato l'unico effetto avverso riportato più spesso nel gruppo Idrocortisone ( 18.2% ) rispetto al gruppo placebo ( 7.9% ).

Tra i neonati molto pretermine ventilati meccanicamente, la somministrazione di Idrocortisone tra 7 e 14 giorni dopo la nascita, rispetto al placebo, non ha migliorato l'esito composito di morte o displasia broncopolmonare all'età postmestruale di 36 settimane.
Questi risultati non supportano l'uso di Idrocortisone per questa indicazione. ( Xagena2019 )

Onland W et al, JAMA 2019; 321: 354-363

Pneumo2019 Pedia2019 Farma2019


Indietro