Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Ematobase.it

Dabigatran nel trattamento e nella profilassi secondaria del tromboembolismo venoso nei bambini con trombofilia


Nello studio DIVERSITY di fase 2b/3, il trattamento di 3 mesi con Dabigatran ( Pradaxa ) è risultato non-inferiore allo standard di cura ( SOC ) per il tromboembolismo venoso acuto ( VTE ) nei bambini. In uno studio a braccio singolo, di fase 3, sulla prevenzione secondaria del tromboembolismo venoso acuto, l'uso di Dabigatran fino a 12 mesi è stato associato a sicurezza favorevole.

Dabigatran è approvato dall'Agenzia europea per i medicinali ( EMA ) e dalla Food and Drug Administration ( FDA ) degli Stati Uniti per indicazioni pediatriche.
È stata valutata l'efficacia composita primaria ( risoluzione completa del trombo e libertà da recidiva di tromboembolismo venoso acuto / morte correlata a tromboembolismo venoso acuto ) nei sottogruppi con trombofilia rispetto a quelli con stato di trombofilia negativo / sconosciuto nello studio DIVERSITY ed è stata valutata la sicurezza in entrambi gli studi.

I tipi di trombofilia erano simili tra lo studio DIVERSITY ( popolazione totale ) e gli studi di prevenzione secondaria: fattore V Leiden, 42% vs 33%; mutazione della protrombina ( G20210A ), 19% vs 17%; carenza di antitrombina, 15% vs 20%; deficit di proteina C/S, 23% vs 25%; e anticorpi antifosfolipidi, rispettivamente 18% vs 20% dei pazienti.

Nello studio DIVERSITY, il 36% e il 22% dei pazienti del sottogruppo di trombofilia trattati con Dabigatran e standard di cura, rispettivamente, hanno raggiunto l'endpoint primario ( differenza del tasso ponderato di Mantel-Haenszel, -0.135; non-inferiorità P=0.0014 ); dato paragonabile alla popolazione totale dello studio DIVERSITY ( 46% vs 42% ) che ha mostrato la non-inferiorità di Dabigatran rispetto allo standard di cura.

All'interno di questo sottogruppo, un numero numericamente inferiore di pazienti ha manifestato recidiva di tromboembolismo venoso acuto o progressione del trombo indice nel gruppo di trattamento con Dabigatran rispetto allo standard di cura.

Nello studio di prevenzione secondaria, la recidiva di tromboembolismo venoso acuto a 12 mesi si è verificata nel 2.8% dei pazienti con trombofilia rispetto allo 0% con trombofilia negativa / sconosciuta.

I profili di sicurezza sono stati coerenti con quelli riportati in precedenza.

Sebbene debbano essere interpretati con cautela, questi risultati esplorativi suggeriscono che Dabigatran potrebbe essere un anticoagulante a lungo termine appropriato per i bambini con trombofilia. ( Xagena2022 )

Brandão LR et al, Blood Adv 2022; 6: 5908-5923

Emo2022 Pedia2022 Farma2022



Indietro