Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Bambini con anemia falciforme: farmacocinetica, farmacodinamica e farmacogenetica del trattamento con Idrossiurea


La terapia con Idrossiurea ( Oncocarbide ) ha dimostrato efficacia clinica e di laboratorio nei bambini con anemia falciforme.

Quando somministrata alla dose massima tollerata ( MTD ), l’Idrossiurea ha aumentato l'emoglobina fetale ( HbF ) in percentuali comprese tra il 10% e il 40%.
Tuttavia, la variabilità interpaziente della percentuale di risposta HbF ( HbF% ) è risultata alta, con MTD di per sé variabile.
Non sono stati attualmente individuati predittori precisi di risposta all'Idrossiurea.

Lo studio HUSTLE è stato disegnato con l’obiettivo di fornire dati sulla farmacocinetica della prima dose in bambini con anemia falciforme iniziati alla terapia con Idrossiurea, per indagare i parametri di farmacodinamica, compresa la risposta HbF e MTD dopo aumento scalare standardizzato della dose, e per valutare le influenze farmacogenetiche sui parametri farmacocinetici e farmacodinamici.

Per 87 bambini con studi di farmacocinetica della prima dose, sono state osservate variabilità individuali consistenti, oltre ad un nuovo fenotipo con assorbimento per via orale ( rapido o lento ) che ha influenzato i livelli sierici di Idrossiurea e l'esposizione totale ad Idrossiurea.

Le risposte farmacodinamiche in 174 soggetti sono state forti, e simili a coorti precedenti; HbF% alla dose massima tollerata è stata ben predetta da 5 variabili, tra cui HbF% al basale, mentre la dose massima tollerata è stata meglio predetta da 5 variabili, inclusa la creatinina sierica.

L'analisi farmacogenetica ha mostrato polimorfismi a singolo nucleotide che hanno influenzato HbF% al basale, di cui 5 all'interno di BCL11A, ma nessuno che abbia influenzato HbF% alla massima dose tollerata o la dose.

Previsioni accurate delle risposte al trattamento con Idrossiurea per anemia falciforme rimangono un obiettivo valido, ma sfuggente. ( Xagena2011 )

Ware RE et al, Blood 2011; 118: 4985-4991


Emo2011 Pedia2011 Farma2011


Indietro