Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Associazioni tra trattamento materno prenatale con corticosteroidi e disturbi mentali e comportamentali nei bambini


Il trattamento materno prenatale con corticosteroidi è la cura standard per accelerare la maturazione fetale quando è imminente la nascita prima delle 34 settimane.

Recentemente, è stata discussa l'estensione delle indicazioni oltre le 34 settimane gestazionali.
I dati sugli esiti a lungo termine, tuttavia, rimangono limitati, specialmente tra i bambini che nascono a termine dopo l'esposizione al trattamento.

L'obiettivo di uno studio è stato quello di valutare se il trattamento con corticosteroidi in ambito prenatale fosse associato a disturbi mentali e comportamentali nei bambini nati a termine ( 37 settimane o più di gestazione e 0 giorni ) e pretermine ( meno di 37 settimane di gestazione e 0 giorni ) e se il confondimento familiare non-misurato spiegasse queste associazioni.

È stato condotto uno studio di coorte retrospettivo basato sulla popolazione utilizzando registri nazionali di tutti i nati vivi singoli in Finlandia sopravvissuti fino a 1 anno, e un confronto tra fratelli e sorelle a termine.
I bambini erano nati tra il 2006 e il 2017, sono stati seguiti fino al 2017 ed erano stati esposti al trattamento materno prenatale con corticosteroidi.

L'esito primario era qualsiasi disturbo mentale e comportamentale infantile diagnosticato in strutture di assistenza medica specializzata pubblica.

Dei 674.877 bambini nati singoli in Finlandia durante il periodo di studio, 670.097 erano eleggibili per l'analisi.
La durata mediana del follow-up è stata di 5.8 anni.

Dei 14.868 bambini esposti al trattamento con corticosteroidi ( 2.22%; 46.1% donne ), 6.730 ( 45.27% ) sono nati a termine e 8.138 ( 54.74% ) sono nati pretermine; dei 655.229 ( 97.78%; 48.9% femmine ) non-esposti, 634.757 ( 96.88% ) sono nati a termine e 20.472 ( 3.12% ) sono nati pretermine.

Tra le 241.621 coppie di fratelli nati a termine ammissibili nidificate all'interno di questa popolazione, 4.128 coppie ( 1.71% ) erano discordanti per l'esposizione al trattamento.
L'esposizione al trattamento, rispetto alla non-esposizione, è risultata significativamente associata a un rischio più elevato di qualsiasi disturbo mentale e comportamentale nell'intera coorte di bambini ( 12.01% vs 6.45%; differenza assoluta, 5.56%; hazard ratio aggiustato, HR, 1.33 ), nei bambini nati a termine ( 8.89% vs 6.31%; differenza assoluta, 2.58%; HR, 1.47 ), e quando le coppie di fratelli discordanti per l'esposizione al trattamento sono state confrontate con le coppie di fratelli concordanti per la non-esposizione ( 6.56% vs 4.17% per differenze entro le coppie di fratelli; differenza assoluta, 2.40%; HR, 1.38 ).

Anche nei bambini nati pretermine, il tasso di incidenza cumulativa di qualsiasi disturbo mentale e comportamentale è risultato significativamente più alto per i bambini esposti al trattamento rispetto ai bambini non-esposti, ma l'hazard ratio non era significativo ( 14.59% vs 10.71%; differenza assoluta, 3.38%; HR, 1.00 ).

In questo studio di coorte basato sulla popolazione, l'esposizione al trattamento materno prenatale con corticosteroidi è stata significativamente associata a disturbi mentali e comportamentali nei bambini.
Questi risultati possono aiutare a informare le decisioni sul trattamento materno prenatale con corticosteroidi. ( Xagena2020 )

Räikkönen K et al, JAMA 2020; 323: 1924-1933

Gyne2020 Pedia2020 Psyche2020 Farma2020


Indietro