Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Associazione dell'insufficienza respiratoria acuta nella prima infanzia con esiti neurocognitivi a lungo termine


Circa 23.700 bambini statunitensi si sottopongono annualmente a ventilazione meccanica invasiva per insufficienza respiratoria acuta, con effetti sconosciuti a lungo termine sulla funzione neurocognitiva.

Sono stati valutati gli esiti neurocognitivi dei bambini che sopravvivono al ricovero in Unità di terapia intensiva pediatrica ( PICU ) per insufficienza respiratoria acuta rispetto ai loro fratelli biologici.

È stato condotto uno studio prospettico di coorte di fratelli abbinati in 31 Unità PICU statunitensi e Centri di test neuropsicologici associati.
I pazienti erano di età pari o inferiore a 8 anni con un punteggio Pediatric Cerebral Performance Category di 1 ( normale ) prima dell'ammissione nell'Unità PICU e inferiore o uguale a 3 ( non peggiore di una disfunzione neurocognitiva moderata ) alla dimissione dall'Unità PICU, esclusi i pazienti con una storia di deficit neurocognitivi o che sono stati riammessi e sottoposti a ventilazione meccanica.

I fratelli biologici avevano un'età compresa tra 4 e 16 anni al test, con un punteggio Pediatric Cerebral Performance Category di 1 e nessuna storia di ventilazione meccanica o anestesia generale.
In totale 121 coppie di fratelli sono state arruolate dal 2014 al 2017 e sono state sottoposte a test neurocognitivi a partire dal 2015.
La data del follow-up finale è stata nel 2018.

I pazienti erano stati esposti a malattie critiche e trattamento in Unità PICU per insufficienza respiratoria acuta.

L'esito primario era il quoziente d'intelligenza ( QI ), stimato dai sottotest Vocabulary e Block Design appropriati per l'età della scala WIS ( Wechsler Intelligence Scale ).
Gli esiti secondari includevano misure di attenzione, velocità di elaborazione, apprendimento e memoria, abilità visuospaziali, abilità motorie, linguaggio e funzione esecutiva.
Le valutazioni sono state effettuate da 3 a 8 anni dopo la dimissione dall'ospedale.

I pazienti ( n=121; 55 pazienti di sesso femminile, 45% ) sono stati sottoposti a cure in Unità PICU a un'età mediana di 1.0 anni, hanno ricevuto una mediana di 5.5 giorni di terapia con ventilazione meccanica invasiva e sono stati testati a un'età mediana di 6.6 anni.
I fratelli abbinati ( n=121; 72 sorelle femmine, 60% ) sono stati testati a un'età mediana di 8.4 anni.

I pazienti avevano un QI medio stimato inferiore rispetto ai fratelli abbinati ( 101.5 vs 104.3; differenza media, -2.8 ).
Tra gli esiti secondari, i pazienti avevano punteggi significativamente più bassi rispetto ai fratelli abbinati riguardo alla memoria non-verbale ( differenza media, -0.9 ), abilità visuospaziali ( differenza media, -0.9 ) e controllo motorio fine ( differenza media, -3.1 ) e punteggi significativamente più alti sulla velocità di elaborazione ( differenza media, 4.4 ).

Non ci sono state differenze significative nei restanti esiti secondari, tra cui attenzione, memoria verbale, linguaggio espressivo e funzione esecutiva.

Tra i bambini, la sopravvivenza al ricovero in Unità PICU per insufficienza respiratoria e dimissione senza grave disfunzione cognitiva è stata associata a punteggi di QI successivi significativamente più bassi rispetto ai fratelli abbinati.
Tuttavia, l'entità della differenza è stata piccola e di incerta importanza clinica. ( Xagena2022 )

Scott Watson R et al, JAMA 2022; 327: 836-845

Pneumo2022 Neuro2022 Pedia2022



Indietro