Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Agonisti alfa2-adrenergici o stimolanti per i bambini in età prescolare con disturbo da deficit di attenzione / iperattività


Il disturbo da deficit di attenzione / iperattività ( ADHD ) viene diagnosticato in circa il 2.4% dei bambini in età prescolare.
Gli stimolanti sono raccomandati come trattamento farmacologico di prima linea. Tuttavia, fino al 25% dei bambini in età prescolare con disturbo ADHD è trattato con farmaci agonisti alfa2-adrenergici, nonostante le evidenze minime circa la loro efficacia o gli effetti avversi in questa fascia di età.

Sono stati determinati la frequenza di miglioramento registrato nei sintomi del disturbo ADHD e gli effetti avversi associati con gli agonisti alfa2-adrenergici e i farmaci stimolanti per il trattamento iniziale di ADHD nei bambini in età prescolare.

È stata fatta una revisione retrospettiva delle cartelle cliniche dei bambini visitati in 7 ambulatori pediatrici comportamentali ed evolutivi nel network DBPNet ( Developmental Behavioral Pediatrics Research Network ) negli Stati Uniti.

Sono stati estratti I dati di 497 bambini di età inferiore ai 72 mesi, con il trattamento con un agonista alfa2-adrenergico o farmaci stimolanti avviato da un pediatra dello sviluppo-comportamentale per disturbo ADHD, trattati tra il 2013 e il 2017.
Il follow-up è stato completato nel 2019.

L’esito principale era il miglioramento segnalato dei sintomi del disturbo ADHD e degli effetti avversi.

I risultati dei dati sono stati estratti dalle cartelle cliniche elettroniche dei 497 bambini in età prescolare con disturbo ADHD trattati con agonisti alfa2-adrenergici o stimolanti.
L'età media dei bambini era di 62 mesi all'inizio del trattamento per il disturbo ADHD e 409 bambini ( 82% ) erano maschi.

Per il trattamento iniziale con farmaci per il disturbo ADHD, gli agonisti alfa2-adrenergici sono stati prescritti a 175 bambini ( 35%; durata mediana degli agonisti alfa2-adrenergici, 136 giorni ) e gli stimolanti sono stati prescritti a 322 bambini ( 65%; durata mediana dell’uso di stimolanti, 133 giorni ).

Il miglioramento è stato riportato nel 66% dei bambini che hanno iniziato ad assumere gli agonisti alfa2-adrenergici e nel 78% dei bambini che hanno iniziato ad assumere stimolanti.

Solo la sonnolenza diurna è risultata più comune per coloro che avevano ricevuto agonisti alfa2-adrenergici versus stimolanti ( 38% vs 3% ); diversi effetti avversi sono stati riportati più comunemente per quelli che avevano ricevuto gli stimolanti versus agonisti alfa2-adrenergici, tra cui sbalzi d'umore / irritabilità ( 50% vs 29% ), soppressione dell'appetito ( 38% vs 7% ) e disturbi del sonno ( 21% vs 11% ).

In questa revisione retrospettiva delle cartelle cliniche dei bambini in età prescolare con disturbo ADHD trattati nelle cliniche pediatriche evolutivo-comportamentali, il miglioramento è stato osservato nella maggior parte dei bambini che hanno ricevuto agonisti alfa2-adrenergici o stimolanti, con differenti profili di effetti avversi tra classi di farmaci.
Ulteriori ricerche, anche da studi clinici randomizzati, sono necessarie per valutare l'efficacia comparativa degli agonisti alfa2-adrenergici versus gli stimolanti. ( Xagena2021 )

Harstad E et al, JAMA 2021; 325: 2067-2075

Pedia2021 Psyche2021 Farma2021


Indietro