Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
OncologiaMedica.net
Gastroenterologia.net
OncoGinecologia.net

Terapia ad alto flusso nasale per supporto respiratorio primario nei neonati pretermine


Il trattamento con la terapia ad alto flusso nasale ha efficacia simile a quella della pressione continua positiva delle vie aeree ( CPAP ) per via nasale utilizzata come supporto dopo l’estubazione nei neonati.
L'efficacia della terapia ad alto flusso come principale mezzo di supporto respiratorio per i neonati prematuri con distress respiratorio non è stata dimostrata.

In uno studio internazionale, multicentrico, randomizzato, di non-inferiorità, sono stati assegnati 564 neonati prematuri ( età gestazionale, 28 settimane e 0 giorni o superiore ) con distress respiratorio precoce che non avevano ricevuto la terapia sostitutiva con surfattante, al trattamento con una terapia ad alto flusso nasale o a pressione continua positiva delle vie aeree per via nasale.

L'esito primario era il fallimento del trattamento entro 72 ore dopo la randomizzazione.

La non-inferiorità è stata determinata calcolando la differenza assoluta nel rischio di esito primario; il margine di non-inferiorità scelto è stato di 10 punti percentuali.

I bambini in cui la terapia ad alto flusso era fallita hanno ricevuto CPAP di salvataggio; i bambini nei quali CPAP era fallita sono stati intubati e ventilati meccanicamente.

L’arruolamento nello studio è stato interrotto precocemente a causa di una differenza significativa nel risultato principale tra i gruppi di trattamento.

Il fallimento del trattamento si è verificato in 71 dei 278 bambini ( 25.5% ) nel gruppo trattato con terapia ad alto flusso e in 38 dei 286 bambini ( 13.3% ) nel gruppo trattato con CPAP ( differenza di rischio, 12.3 punti percentuali; P minore di 0.001 ).

Il tasso di intubazione entro 72 ore non è variato significativamente tra il gruppo ad alto flusso e il gruppo CPAP ( 15.5% e 11.5%, rispettivamente; differenza di rischio, 3.9 punti percentuali; P=0.17 ), e nemmeno il tasso di eventi avversi.

In conclusione, quando è stata utilizzata come supporto primario per i neonati prematuri con distress respiratorio, la terapia ad alto flusso ha determinato un tasso significativamente più alto di fallimento del trattamento rispetto alla pressione continua positiva delle vie aeree. ( Xagena2016 )

Roberts CT et al, N Engl J Med 2016; 375: 1142-1151

Pneumo2016 Pedia2016 Med2016


Indietro